Eau Sauvage Eau de Toilette: il profumo di una vita

Eau Sauvage Eau de Toilette: il profumo di una vita

Come tutti i giorni ero lì, nel mio bagno, a prepararmi per andare a scuola.

Nell’aria si sentiva un fresco profumo che incorniciava da sempre le mie mattine ed io sapevo che qualcuno era già uscito di casa molto presto.

Un uomo alto, affascinante, elegante, gentile nei modi e curato nell’aspetto. Lo immaginavo lì che sceglieva con cura la giacca e la cravatta giusta da abbinare. Le scarpe poi, una vera mania.

Alla fine, dopo essersi vestito, puntuale, non poteva mai mancare il tocco finale: una spruzzata del “suo” Eau Sauvage di Christian Dior, rigorosamente nella versione Eau de Toilette. Sono certa che sia stato l’unico profumo che abbia mai usato perché aveva anche la schiuma da barba ed il gel doccia.

Quell’uomo, quell’ingegnere distinto, era mio padre.

Oggi non c’è più, ma, spruzzando un po’ del suo Eau Sauvage, lo sento ancora qui con me.

Fragranza di un’eleganza senza tempo.

Grazie Mr. Roudnitska, grazie Maison Dior; ora è anche il mio profumo.

Ringrazio Roberto Greco, artista della fotografia.

 

Scheda

Maison: Christian Dior

Creatore fragranza: Edmond Roudnitska

Anno di creazione: 1966

Bottiglia disegnata da: Pierre Dinand

Famiglia olfattiva: Esperidata Floreale Chypre

 

Note:

Testa: Bergamotto di Calabria (S. Carlo)

Cuore: Hedione e lavanda di Vaucluse

Base: Accordo Chypre

 

 

Nessun Commento

Commenta