Firenze: il profumo di cuoio e incenso, legni e cioccolato gourmant

Firenze: il profumo di cuoio e incenso, legni e cioccolato gourmant

Qualche settimana fa sono stata in Toscana, a Firenze, una città che amo molto perché mi ricorda la mia adolescenza, la gita del primo anno di liceo in particolare.

Ho conservato dentro di me immagini nitide di questa città “intrisa d’arte” e soprattutto del suo profumo che, dai miei ricordi, sapeva di legni, di cuoio, cioccolato, di pepe nero e incenso.

A distanza di ben trent’anni, ho rivisto quei luoghi con nuovi occhi, ma i profumi, quelli, sono esattamente gli stessi.

Seguitemi in questo insolito percorso dei sensi, se vi va.

Prima tappa, Basilica di San Lorenzo, la chiesa più antica di Firenze. La sua facciata semplice ed incompiuta nasconde all’interno tre navate dai colori essenziali. In questi grandi spazi gli odori dominanti sono quelli dati da una combinazione di pepe nero, lavanda e incenso. La fragranza che interpreta al meglio questa mia sensazione olfattiva è 1681 di Carthusia. Un Eau de Parfum dal carattere definito e misterioso che consiglio di indossare anche alle donne.

 

 

Seconda tappa, una visita agli Uffizi non poteva mancare. Negli immensi corridoi della preziosa Galleria aleggia un odore di arte e di legni vissuti. Gli stessi che nella mia memoria olfattiva richiamano la seducente Acqua di Colonia Eva dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella  in cui il bergamotto appena accennato delle note di testa cede il passo all’intensità delle note legnose e al vetiver di fondo.

Dopo tanto camminare mi dirigo verso il Ponte Vecchio per tutt’altro che motivi romantici! Ricordavo che lì vicino c’era una strepitosa gelateria di cui non sapevo neanche più il nome. Ho chiesto un po’ in giro ed ecco davanti a me Il Caffè delle Carrozze! L’unico mio pensiero è stato quello di chiedere la mousse di cioccolato alle nocciole intere.

Come posso descrivervi il profumo…provate a sentire la fragranza Chocolat Eau de Parfum di Il Profvmo. Elegante simbiosi gourmant di mandarino, cacao e vaniglia. Cioccolato da indossare.

Immancabile un giro per il centro della città. Il sentore di cuoio e di “fatto a mano” domina prepotente tra le coloratissime bancarelle di borse e accessori del mercato e appena fuori dai negozi di pelletteria artigianale. Forse lo stesso odore a cui James Creed ,con la sua creazione Royal English Leather del 1781, si ispirò per profumare i guanti da lui realizzati per la Corte Reale Inglese: note di testa agrumate, cuore di ambra grigia e base di cuoio e sandalo.

Esiste dunque il “logo olfattivo” di un luogo? Sicuramente sì.  Nell’interpretazione dei ricordi di ciascuno di noi.

Provate a “odorare” i vostri ricordi…

Alla prossima destinazione!

4 Commenti
  • Paola Alviani
    Pubblicato il 06:36h, 11 novembre

    Anche io adoro ed ho nel cuore Firenze ,dove spesso torno per trovare una delle mie piu’ care amiche ,un passaggio alla farmacia Santa Maria Novella e’ d’obbligo,non solo per qualche acquisto, pout pourri la mia fragranza preferita in vendita, ma anche solo per fotografare con gli occhi ed il cuore il negozio che rappresenta per me davvero un’eccezione italiana.I miei ricordi di adolescenza mi riportano a Venezia ,luogo dove e’ nata mia madre ed ho trascorso tutte le mie vacanze dell’adolescenza,piace anche a me chiudere gli occhi e rivivere arte e profumi ,grazie di condividere con me questa passione

  • The Perfume Teller
    Pubblicato il 10:28h, 17 novembre

    Carissima Paola,
    beh mi sa che abbiamo in comune molte cose.
    Mi fa piacere condividere la mia passione per i luoghi,l’arte e i profumi.
    Qual è la tua fragranza preferita di Santa Maria Novella? Ora sono curiosa..:)
    A presto,
    Donatella

  • Giuliana
    Pubblicato il 14:56h, 18 novembre

    Grazie a te ho camminato per Firenze senza esserci stata davvero. Sei meravigliosa!

  • The Perfume Teller
    Pubblicato il 07:51h, 21 novembre

    Cara Giuliana, ti ringrazio moltissimo.
    Credo nel valore aggiunto delle sensazioni, tutto qui.
    Un caro saluto e…continua a seguirmi!
    Se hai suggerimenti su argomenti da trattare, inviameli pure.

Commenta