First di Van Cleef & Arpels: una seducente rivoluzione

First di Van Cleef & Arpels: una seducente rivoluzione

Quando penso alla femminilità di una donna, oltre alla sua personalità, al modo in cui si veste e si muove, penso anche alla scelta dei gioielli che indossa e al suo profumo.

Nel 1976, la Maison parigina Van Cleef & Arpels, nota per le sue creazioni di alta gioielleria, creò il primo “profumo gioiello”: First.

Una fragranza floreale aldeidica del naso Jean-Claude Ellena, innovativa nella confezione e nella formulazione.

Il tappo della sinuosa bottiglia è stato ispirato dalla forma di pendenti realizzati dalla nota Maison. Direi, geniale! Un’idea di marketing intuitivo e sobrio in cui messaggi come quelli di femminilità ed elegante sensualità, richiamano sia al profumo che ai gioielli disegnati da Van Cleef.

La fragranza è preziosa quanto la bottiglia che la contiene. Secondo miei studi, fu la prima ad essere realizzata con la concreta di gelsomino di Grasse dal sentore di ribes. Quindi alta qualità delle materie prime e profumo intenso.

First di Van Cleef & Arpels: una seducente rivoluzione.

Oggi, secondo voi, nell’ambito della profumeria di nicchia, quale profumo potrebbe essere considerato “rivoluzionario”?

Parliamone.
Scheda:
Maison: Van Cleef & Arpels
Creatore fragranza: Jean-Claude Ellena
Anno di creazione: 1976
Bottiglia disegnata da: Van Cleef & Arpels
Famiglia olfattiva: floreale aldeidica
Note:
Testa: accordo aldeide, pesca, lampone, giacinto, ribes nero
Cuore: gelsomino, rosa, garofano, orchidea, mughetto, tuberosa, iris
Base: sandalo, ambra muschio di quercia, vetiver

Nessun Commento

Commenta