Ultimo giorno dell’anno 2017: riflessioni tra profumo e musica

Ultimo giorno dell’anno 2017: riflessioni tra profumo e musica

L’ultimo giorno dell’anno è sempre stato per me un momento di passaggio importante in cui, anche in modo inconsapevole, faccio bilanci e getto le basi per l’arrivo del nuovo che verrà.

Prima della festa di Capodanno, prima degli amici, c’è un momento, in questo giorno, in cui avverto una nostalgica malinconia mista ad una grande gioia e curiosità per ciò che farò, per i miei progetti, per le emozioni che la vita mi regalerà nel 2018. E’un momento tutto mio, intimo.

Vorrei condividerlo con voi in parte, in musica e profumo.

L’ultimo Buon giorno dell’anno …
non so dove finisco io e dove si inizia …

Recita un brano conosciuto e apprezzato da molti di Cousteau, “The last good day of the year”. Un pezzo morbido, che segue il profilo del tramonto dell’anno che sta per terminare e che ci apre a nuove prospettive.

Mi sono chiesta che profumo avrebbe questa canzone, che profumo avrebbe questo momento dell’anno per me così romantico; non ho dubbi: la fragranza fresca, delicata e sognante Fleurs de Gardenia di Creed. Un profumo floreale femminile in cui la morbida dolcezza della gardenia, del mughetto, della rosa e della peonia delle note di cuore abbraccia il patchouli e il sentore di un bosco incantato del legno di cedro della Virginia. Pura poesia.

Questo profumo è per me un fermo immagine, la fotografia di un istante, un caldo abbraccio che mi accompagnerà verso il 2018.

Auguri a tutti voi!

Per te

Qual è  il profumo del tuo Capodanno 2017?

2 Commenti
  • Paola Alviani
    Pubblicato il 07:48h, 21 gennaio

    Anche se l’ultimo giorno dell’anno e’ passato ,mi piace ripensare all’emozione che ho provato in quell’occasione ,decidendo questa volta di trascorrerlo in piazza tra la gente , vestita con un jeans e un maglioncino,senza tacchi e con poco trucco, ascoltando un giovane gruppo che rivisitava cover famose in modo eccellente , ma mai senza un amabilissimo profumo, che in questo caso e’ stato di Etat Libre d’Orange, Divin’ Enfant, forte e pieno di contraddizioni,perche’ se da una parte sono una donna che ama la famiglia e le sicurezze, l’altra parte di me ha amato come non mai brindare con una bottiglia tra tante persone sconosciute, vedere sfilare barche sul mare e fuochi sull’acqua ,coperta con sciarpa ,cappello e guanti ,priva della sicurezza di una stanza calda e volti notii.Un cambiamento che nella vita penso possa avvenire ad ogni eta’.Buon 2018

  • The Perfume Teller
    Pubblicato il 14:31h, 21 gennaio

    Cara Paola, auguri di Buon Anno anche a te.
    Sempre generosa nei tuoi commenti alle mie riflessioni, sempre pronta a mostrare una parte di te. Lo apprezzo.
    Credo proprio che tua abbia ragione: Etat Libre, per come ti descrivi, ti appartiene.
    I cambiamenti nella vita possono senz’altro avvenire ad ogni età, bisogna solo essere aperti ad accoglierli con entusiasmo.
    Io ne sono una prova vivente.

Commenta